Cardiofrequenzimetro e connessione

Una delle caratteristiche più importanti di un cardiofrequenzimetro è la possibilità di connetterlo con un altro dispositivo. Grazie a questa funzione possiamo consultare al meglio i risultati ottenuti da ogni misurazione, e magari confrontarli tra loro o creare una sorta di database dove poterli raccogliere nel tempo. Proprio per questa peculiarità la maggior parte dei cardiofrequenzimetri ha una vera e propria rete di comunicazione, grazie alla quale è possibile connetterlo con lo smartphone o il PC – persino il tablet. In questi casi tutte le misurazioni vengono inviate all’altro dispositivo, previa configurazione. Ciò significa che prima di inviare i dati per la prima volta dovremo provvedere a connettere i due apparecchi. La procedura varia a seconda del modello di cardiofrequenzimetro, ma anche in base al prodotto che riceve gli input. In generale però è molto facile eseguire questa operazione, e le istruzioni si trovano abbastanza facilmente anche sulla scheda tecnica del cardiofrequenzimetro.

Se decidiamo di inviare le misurazioni sul nostro smartphone possiamo scaricare una applicazione per riuscire ad archiviarli al meglio. Ogni tipo di sistema operativo prevede nel suo marketplace delle APP diverse, con funzioni e caratteristiche proprie. Generalmente si tratta però di piattaforme in cui è possibile tenere nota dei nostri rilevamenti, e talvolta si possono consultare con estrema facilità grazie alla costruzione di grafici e statistiche. In alcuni casi è perfino possibile condividere i propri risultati con gli amici, renderli partecipi dei nostri sforzi e magari sfidarli a fare di meglio. In questo modo possiamo creare una rete di contatti in grado di spronarci ancora di più a muoverci e dare del nostro meglio.

Solitamente invece i cardiofrequenzimetri a fascia toracica non sono dotati di connessione bluetooth. Tutti i dati che raccolgono infatti possono essere consultati sul momento, o memorizzati sempre sullo stesso strumento. L’unico modo di salvare i dati sul computer per esempio è quello di connettere i due dispositivi tramite un apposito cavo. Non tutti i modelli però hanno questa funzione, e anzi la maggior parte non ne dispone.

Per ulteriori informazioni sui cardiofrequenzimetri e sulle varie tipologie di questo prodotto disponibili sul mercato è meglio consultare il sito internet specifico.